vino sa di tappo

Hai appena aperto la bottiglia ma ti rendi conto che il vino sa di tappo?

La prima cosa che ti verrà in mente, sarà quella di svuotarlo nel lavandino, lasciandoti non solo a bocca asciutta ma con l’amaro in bocca.

Questa situazione prima o poi capita a tutti. Ma anche se il vino sa di tappo, gettarlo via non è la soluzione migliore bensì un errore imperdonabile.

Quando il vino sa di tappo, sicuramente non sarà più buono da bere, ma tuttavia può essere impiegato in altri modi sorprendenti!

In questo articolo, ti svegliamo 5 segreti per poter riutilizzare un vino che sa di tappo! Sei pronti a scoprirli?

 

  • Vino smacchia vino

Qual è il modo migliore per eliminare una macchia di vino rosso dai tessuti?

La risposta esatta è con il vino!

Se il vostro vino bianco sa di tappo, potete utilizzarlo per eliminare una macchia di vino rosso da qualsiasi tessuto.

I vini bianchi infatti, contengono maggior componenti acide che aiutano la rimozione delle sostanze coloranti presenti nei vini rossi.

In questo caso, il vino bianco va utilizzato insieme al bicarbonato o al borotalco.

Il procedimento è semplice: versate il vino che sa di tappo sulla macchia e  aggiungete bicarbonato o borotalco. Fate agire per 30 minuti e procedete al lavaggio.

 

  • Disinfettare con il vino

Sappiamo tutti che il vino contiene alcol etilico. Questo composto chimico ha proprietà disinfettati, detergenti e solventi che ci posso aiutare ad eliminare alcuni batteri presenti sugli alimenti.

Naturalmente, per disinfettare gli alimenti, esistono prodotti specifici, ma se in casa siete sprovvisti e avete un vino che sa di tappo, il problema è risolto!

Vini rossi molto alcolici o liquorosi, possono infatti essere usati per disinfettare con una buona efficacia, sia la frutta che la verdura.

Sorprendente vero?

 

  • Il vino nutre la terra

Il vino è un prodotto della terra ma può essere utilizzato anche per nutrirla.

In natura niente è lasciato al caso.

Il vino infatti, è ricco di sali minerali, antiossidanti e lieviti che sono ottimi fertilizzanti per il terreno.

Quindi, se il vino sa di tappo e siete degli amanti delle piante oppure avete un piccolo orto in giardino, provate ad usarlo per arricchire il nutrimento della terra.

Le vostre piante vi ringrazieranno!!

 

  • Bellezza DIVINA

Nel vino, specialmente se rosso, troviamo una grande percentuale di polifenoli.

Queste sostanze naturali, che danno gusto, colore e favoriscono la conservazione del vino, hanno anche delle straordinarie proprietà antiossidanti.

L’azione antiossidante dei polifenoli, è in grado di contrastare i radicali liberi, molecole prodotte dal nostro metabolismo cellulare che velocizzano l’invecchiamento.

Possiamo quindi usare un vino che sa di tappo, meglio se rosso, per aiutare a mantenere la pelle giovane e idratata: basterà bagnare del cotone con il vino, strofinarlo delicatamente sulla pelle e il gioco è fatto!

 

  • Vino e cucina

Per ultimo, ma non meno importante, vi parleremo di come utilizzare un vino che sa di tappo nella vostra cucina.

Molte ricette infatti, dai risotti ai piatti a base di pesce passando per brasati o carni stufate, prevedono l’utilizzo del vino.

Il vino infatti, non solo favorisce la cottura delicata di alcune materie prime ma contribuisce a rendere il piatto più ricco di profumi.

Tuttavia bisogna fare molta attenzione: quando usate in cucina un vino che sa di tappo, ricordatevi sempre di farlo cuocere per un lungo periodo e farlo evaporare bene.

In questo modo, il vostro piatto sarà arricchito dal vino ma senza il sentore sgradevole di tappo!

 

Non mi resta che augurarvi un buon utilizzo alterativo e ricordate: “ Il vino dovrebbe essere mangiato, è troppo buono per essere solo bevuto.”

 

 

 

Azienda Agricola Purovino